MUSEO NATIVO “STJEPAN GRUBER”

 
Il Museo della patria di Stjepan Gruber a Županja si trova nella parte occidentale della città, lungo la riva sinistra del fiume Sava. Il museo è stato fondato nel 1953 e ha due edifici più grandi e due più piccoli collegati tra loro dal parco museale e dal nuovo edificio amministrativo del Museo, che ha uffici e magazzini del museo al piano terra.
Due edifici museali sono monumenti culturali registrati; Čardak - una struttura militare di confine, dell'inizio del XIX secolo. In questo edificio è allestita una mostra permanente di materiale paleontologico, archeologico e storico-culturale.
 Il secondo edificio museale, l'Agenzia - l'edificio dell'ex agenzia di navi a vapore è stato costruito all'inizio del XX secolo e ospita un'interessante Mostra permanente del Dipartimento di Etnologia. Oggi, la mostra permanente del Dipartimento di Etnologia espone circa trecento oggetti con molti testi e fotografie di accompagnamento che parlano del modo di vivere tradizionale a Županja Posavina, e oggi la mostra permanente può essere visualizzata attraverso applicazioni moderne e presentazioni 3D sul sito web del Museo https //: muzej-zupanja. EurLex-2 it per conoscere meglio lo splendore e la ricchezza degli oggetti etnografici conservati nel nostro Museo. I temi primari nella concezione della Mostra Etnologica sono classificati secondo le stagioni (usanze durante tutto l'anno), ma anche secondo le usanze della vita (dalla nascita alla morte). All'interno di questi argomenti, sono stati presentati numerosi oggetti etnologici, che sono stati utilizzati dai nativi, la popolazione croata di religione cattolica - Šokci dalla zona della contea di Posavina, nello svolgimento delle faccende domestiche quotidiane o occasionali. La mostra copre principalmente il periodo dalla metà del XIX alla metà del XX secolo, con diversi reperti ricostruiti in tempi recenti secondo gli oggetti originali sul campo o secondo le fotografie di quel periodo. Gli autori della Mostra Permanente - Dipartimento Etnologico sono il sig. sc. J. Juzbašić per la parte professionale e doc. Sig. sc. M. Beusan, professore alla Facoltà di Architettura di Zagabria, per la progettazione spaziale e artistica.
Seguendo l'idea di esporre il materiale in continuità cronologica, nell'edificio Čardak, accanto allo spazio d'ingresso e di accoglienza, sono stati collocati oggetti della collezione paleontologica, un certo numero di ossa di specie animali della fauna quaternaria dell'area pannonica . Nel prosieguo del piano terra viene presentato materiale archeologico proveniente dall'area della Contea di Posavina, dalla preistoria, all'antichità fino all'età evoluta e al tardo medioevo. Inoltre, nelle sale del primo piano è allestita una mostra di materiale storico e storico-culturale. La mostra permanente dei periodi storici mostra la struttura del Museo in più unità cronologiche. Le prime due sale espongono materiali dell'epoca turca e del periodo del confine militare, e la terza sala ospiterà la farmacia di Babina Greda (seconda metà del XIX secolo). Le opere d'arte del Settecento e dell'Ottocento vengono inglobate con altro materiale storico, ovvero con l'allestimento di un ambiente residenziale dallo stile storico nella quarta sala, e nell'ultima sala è esposto il salone civico degli anni Trenta. Nelle ultime due sale saranno esposti vari oggetti che parlano delle conquiste tecniche di quel tempo, come le lampadine, le macchine da scrivere, le macchine fotografiche di Hanaman, ecc. Nell'ambito della mostra permanente sul pavimento, è possibile vedere diversi record multimediali di la storia recente della contea. Vengono presentate fotografie e documenti del periodo della prima e della seconda guerra mondiale e della costruzione socialista del dopoguerra di Županja, con una panoramica delle più significative turbolenze economiche e sociali, nonché documentari cinematografici della guerra in patria.